41° New York City Marathon - 20° Posto Assoluto - 1° Europeo

41° New York City Marathon - 20° Posto Assoluto - 1° Europeo
Un Sogno Ad Occhi Aperti...

sabato 12 giugno 2010

Re-Start

Palermo, mese di Giugno.

Inizia una dura risalita, vorrei dire che... tanto ci sono abituato, ma non è sempre così.

E pensare che quando avevo deciso di rallentare per risolvere il problema tendineo stava girando davvero bene; qualche giorno passato con qualche intoppo (si tratta solo di questo!), c'è molto da ricostruire.
Dura l'atletica, ma insegna a non mollare mai...

Il brutto raffeddore è stato superato, in questi giorni stiamo provando a ritornare alla routine di ogni settimana con allenamenti seri e ritmi consoni alle giuste ambizioni, ma a quanto pare devo affrontarmi face-to-face con un ulteriore difficoltà, chiamata CALDO.

Si...ormai è cosa fatta e ci dovrà abituare, in fretta.

Ho tutto il mese intero di giugno (e sottolineo, senza gare di contorno!) per prepararmi al meglio ad un evento che in vita mia non sono mai riuscito a prendervi parte: i Campionati Italiani Assoluti su Pista, dove servono Minimi pesanti per esservi presenti!
Quest'anno l'evento si svolgerà nei giorni 30 giugno - 01 luglio a Grosseto, una Pista parecchio rinomata dove immagino si svolgerà una bellissima edizione di questi Campionati Italiani.

Il minimo è stato raggiunto grazie al 2h 19' 25" della Treviso Marathon di quest'anno ed i 10.000m si svolgeranno esattamente alle ore 20:35 di giorno 01 luglio.
Nient'altro da aggiungere, se non che troverò il giusto numero di atleti agguerriti con i quali collaborare e fare un buon serio risultato.

Per questo rimettersi subito in sesto è importante!
La settimana dal 31 maggio al 06 giugno è stata avara di belle giornate.
Mentre il termometro saliva su, la mia condizione stentava a riprendersi...
Purtroppo i postumi da malanno non sono stati assorbiti facilmente e sia nei giorni di lungo che nei pochi lavori di approccio al nuovo obiettivo non ci sono stati riscontri ottimali.

Martedì 01 con uno spiraglio dedito al potenziamento, ho ritrovato un poco di forza muscolare, il lavoro susseguente di 15 x 200m (R.1) non mi ha dato mai impressione di facilità di corsa con tanta sofferenza, segno che organicamente ero ancora in via di ripristino... totale.
I 200m, realizzati tra i 31" ed i 32", niente di che...

Venerdì 04, inserendo un bel lavoro di attacco, 6 x 100m (R.2') + 4 x 150m (R.3'), si notava che non spingevo nel migliore dei modi, seppur fossi comunque ben impostato.
Le vere difficoltà si sono poi viste nel lavoro finale di trasformazione, questa volta un 1.500m che con un passaggio ai 1.000m in 2'54" molto sofferto mi ha reso le idee chiare: una settimana per tornare al 100% attivo non basta!
Chiudendo in 4'24" abbastanza provato ha comunque riattivato in me la voglia di soffrire.

Sabato e domenica, dedicati al lungo, con parecchie difficoltà adattative alle calde giornate, mi hanno finalmente visto in "palla" solamente alla domenica, capace di tornare a quei 3'45"/Km che mi competono.

La Corsa si conferma sempre più uno sport molto delicato e difficile da gestire, ma serve ad acquisire quella saggezza che ti permette di ripristinare con i giusti tempi la propria condizione.
Ormai la colonnina di mercurio tenderà a salire ben oltre i 30° C; gli allenamenti ne risentiranno per un pò, ma importante sarà imparare a gestire in fretta questa nuova difficoltà.

(Ringrazio Salvatore Torregrossa per la Foto...dal basso verso l'alto!)

8 commenti:

Pimpe ha detto...

dai Pippo , lo sai che faccio il tifo per te!!
cerca di fare una buona preparazioni e vedrai che il lavoro svolto in precedenza ti dara' un'ottima mano..;-)

Fabio Rock ha detto...

Ale' pippo!!!!

Frate_tack ha detto...

Guarda Fil, anche io nel mio piccolo ho dovuto fermarmi per una brutta contrattura e ancora pago un infiammazione al tendine d'achille che mi duole, ora sarò a meno di mezzo servizio a Tromso sabato e aver mollato per 3 settimane per riposare si fa sentire e credo di avere qualche problema a finire la maratona.
L'atletica è cosi, non concede sbavature.
Ora bisogna ricostruire la forma che c'era. Buona fortuna, e buona fortuna pure a me :-)

Filippo Lo Piccolo ha detto...

@Pimpe, grazie!!!
Eh, mi aggrappo fortemente a questo, le difficoltà si superano sempre quando ci sono le motivazioni alte tutti i giorni!
Spero adesso di riprendermi in fretta dal post-adattamento al forte caldo.

Filippo Lo Piccolo ha detto...

@Fax, avanti, dritto.
Ieri ho fatto fatica il triplo per fare un lavoro nemmeno tanto letale!
Mi sto preoccupando, più dello stato della mia caviglia.
Ma tutto non può andare sempre come si vuole!

Filippo Lo Piccolo ha detto...

@Frate Tack, buonissima fortuna per la tua Tromso, capisco benissimo che una tappa così affascinante non la perderesti per nulla al mondo!
Più che le 3 settimane di pausa (e bravo che hai capito che dovevi fermarti!) collegate al timore di non essere in forma per terminare la fatica, io mi preoccuperei sempre se il tendine sopporterà lo sforzo di una maratona.
Se hai un piccolo problema, correndo la maratona diventa enorme!

Per ora mi viene difficile andare oltre i 50' di corsa effettiva, ci vado si, ma inzia ad insorgere il dolore alla caviglia.

Per ora non potrei mai fare lunghissimi e paradossalmente meglio un 50' + 50' che 1h10' di seguito!

Fiducia in se stessi ed intelligenza: essere saggi e capire i nostri limiti è l'unico modo per salvarci da guai fisici più grossi!

Rocha ha detto...

Ciao Filippo, bella soddisfazione partecipare ai campionati italiani sui diecimila ! Sai se si vedrà qualcosa in tv ?

Filippo Lo Piccolo ha detto...

@Enrico, lo scorso anno diedero parecchio spazio (che è pur sempre poco) al 10.000m con i soliti "vuoti" televisivi durante lo svolgimento a vantaggio di salti o lanci, "regular"!

Sarò lì, tra i presenti; ora il dubbio è quanto in condizione ci arriverò.
Il caldo sta davvero creando non poche difficoltà.

NEW YORK CITY MARATHON 2010 (Foto Podisti.net)

NEW YORK CITY MARATHON 2010 (Foto Podisti.net)
PRONTI A PARTIRE...