41° New York City Marathon - 20° Posto Assoluto - 1° Europeo

41° New York City Marathon - 20° Posto Assoluto - 1° Europeo
Un Sogno Ad Occhi Aperti...

venerdì 15 gennaio 2010

Treviso Marathon - Sarà una dura lotta con me stesso.

Gennaio 2010

Non è una proclamazione, nulla di tutto questo.
Per ora resto prevedibile, con i piedi ben saldi per terra.

La maratona primaverile sarà nuovamente la Treviso Marathon, anticipata al 14 marzo.
La scelta cade ancora una volta su questa splendida manifestazione per i soliti diversi motivi:
1 - Eccellente organizzazione e cura nella scelta degli atleti.
2 - Compatibilità massima con gli impegni societari del Violettaclub che coincidono con la mia stessa voglia di fare più che bene in tali appuntamenti.
3 - Non sento la necessità di tentare l'esperienza all'estero perchè resto dell'opinione che se ci vai puoi trovare maggiore competitività per correre agevolmente tra le 2h 14' e le 2h 17'.
Prima bisogna scendere sotto le 2h 20' e una Maratona Italiana resta la migliore scelta.
Voglio darmi un altro anno, un'altra chance; se non dovessi farcela mi getterei in qualche tentativo fuori dai confini nazionali, anche per girare un pò l'Europa.

Quest'anno il Regolamento Fidal per il C.d.S. di Corsa 2010 cambia nuovamente venendo incontro alle esigenze della stragrande maggioranza delle società sportive che praticano corse su strada.
Hanno deciso di tagliare la prova di Maratona prediligendo una 10K su strada nazionale tra le 3 corse da regolamento per fare classifica.
Le altre due prove restano e sono il 10.000m in pista regionale e la prova nazionale di Mezza Maratona.

Ovviamente per il Violettaclub si tratta di un handicap perchè si amplierà la competitività tra le Società, vanificando gli sforzi di anni per creare una squadra di maratoneti compatta come poche altre.

Sul fronte Classifiche, FORSE finalmente potremo capire in tempi non più da "Corriere a Cavallo che si sposta da Sparta per arrivare a Roma nel 249 A.C." chi sarà il vincitore di questo Campionato Italiano di Società di Corsa, considerando che attualmente non si è a conoscenza della Classifica Finale del 2009 e della Società vincitrice.
Mancava la classifica finale dei maratoneti nelle prove sul territorio italiano, e considerando che siamo a metà gennaio, dovremmo già avere almeno una classifica provvisoria o completa per le prime posizioni...
E invece ancora niente...
Ribadisco ancora una volta che questa vittoria (che poi avviene senza trofei, mai sul campo, senza alcun servizio di informazione della notizia di nessun tipo) permette molto "silenziosamente" di partecipare alla Coppa Europa per Club di Corsa su strada, cosa un tantinello ambiziosa.
Speriamo in una accelerazione dei responsi finali con questa rivoluzione delle prove...

Prendendo gli spunti positivi, per me subito dopo la Treviso Marathon, ci sarà parecchio materiale su cui lavorare per sviluppare decisamente le doti di velocità trovate in questi ultimi tempi.
Una prova nazionale di 10K su strada non può che essere circolettata di rosso tra i tanti eventi del 2010!
In un distretto come quello di Palermo, dove quel poco di atletica seria che si pratica ormai è ridotto a pochissimi ragazzi appassionati, curare il mezzofondo veloce sarà la cosa più piacevole da fare, a fronte di una preparazione di Maratona che ormai da diversi anni mi vede solitario in una lotta con me stesso.

In questi primi giorni di gennaio la cosa che abbiamo potuto fare io e il Coach, è stata quella di buttarci subito a cercare di mettere chilometri, sperando di avere anche qualità nei primi lavori affrontati.
Devo vedermela con me stesso e purtroppo, gennaio resta sempre un periodo calante per me.
Niente mega-festoni tra Natale e l'Epifania, tutto ampiamente nella norma; persino un bel 2h di lungo (il primo della preparazione) corso il primo giorno dell'anno.
Sembrano ottime premesse, e invece è iniziata un lento disadattamento alla lunga distanza che mi sta mettendo alle corde.
Trovo parecchio difficile alzarmi presto la mattina, come ogni gennaio purtroppo.

Un primo lavoro, lunedì 04 gennaio, è andato malissimo: doveva essere 4 x 3000m R. 1.000m facile facile, che invece mi ha visto per la prima volta irrigidito e incapace di correre con fluidità.
A parte il primo 3.000m corso in 9'33", il resto è stato una tragedia e ho dovuto fermarmi alla fine della 2° prova, incapace di capire i perchè, a fronte di un clima fresco come più mi piace.

Niente scuse, ma da quel giorno sto subendo i chilometri.
Incessantemente non ho voluto mollare la presa, ma non sento la continuità e la confidenza con la lunga distanza.

Ho cercato giorno 06 gennaio di trovare uno stimolo in più ad una gara.
Sono andato a Giarre per fare un buon allenamento - test (fuori gara) contro chi si fosse presentato lì: per me quel giorno non importava, purchè fossero avversari, stimoli che mi sbloccassero.
Così è stato perchè in quella lunga mattinata è uscita fuori una discreta prestazione su un percorso difficile (un quadrilatero da 1,350m circa da ripetere 10 volte con una lunga e progressiva salita in pavè a fine giro).
Ottima media (di preciso non saprei), in solitaria dal primo metro fino alla fine, ma una intera giornata passata a viaggiare senza, a conti fatti, ricavarci molto dal punto di vista atletico e morale.

Comprendendo la situazione, mi sono imposto comunque di terminare qualunque altro lavoro con ogni risultato, convinto che presto uscirò da questa difficile situazione.
Sabato 09, infatti, ci gettiamo a testa bassa in un doppio lavoro, moderato.
Per cercare di dare una smossa a questo torpore, al mattino affronto la Salita di Montepellegrino (Scala Vecchia) con traguardo fisso ormai alla sede Rai Regionale, ancora più SU!
Non esce niente di buono, solo 25'05", appena 1'45" circa sopra il PB.
Notavo che non salivo su bene, che i polpacci e le caviglie soffrissero, ma non mi importava affatto: obiettivo principale, terminare il lavoro.
Al pomeriggio, 1h di lungo in progressione (20' lenti, 20' a 3'45" e 20' sotto i 3'40").
Stanco ma contento.

Cercando di non ridurre l'impegno chilometrico, mi getto martedì 12 al Re-Match personale con il fartlek da 3.000m.
Questa volta la posta si alza e salgono a cinque i 3K da affrontare.
Condizioni climatiche assolutamente ideali, eppure il motore ha perso tanti cavalli...
Sento che giro a vuoto, rilancio spesso ma non faccio del male ad una mosca; mi impegno fino alla fine, cerco di recuperare come imposto (a 3'40"), alla fine il responso è impietoso:

5 x 3000m a 9'50" - 9'56" (recuperi attorno i 3'34" - 3'54").

Suonato come una campana, molto in Trance (non per la musica che ascolto per ora...), torno allo Stadio conscio che attualmente le cose stanno così e che la situazione sarà passeggera.

Un ottimo 120' di lungo, corso mercoledì 13, sotto la pioggia battente con terreno pesante, fortunatamente in compagnia dei mezzofondisti, mi ha ridato morale.
Terminare l'allenamento e non sentirmi "privato di me stesso", ma con discrete energie in corpo e capace di incrementare nell'ultima mezz'ora mi ha finalmente dato un lumicino di ottimismo (e quello deve sempre esserci).

La lotta con me stesso e la Maratona, si risolverà trovando serenità anche nell'affrontare le prove più difficili.

(Ringrazio Salvatore Torregrossa, presente in molti siti di podismo siciliano per le splendide foto scattate a Giarre).

8 commenti:

Daniele 91 ha detto...

Ciao Filippo,ho letto sul sito della FIDAL(classifiche date per provvisorie)che il Violetta Club Lamezia Terme si è classificato secondo nel Campionato di Società di Corsa 2009 alle spalle della Calcestruzzi Corradini di Rubiera e ha vinto il titolo nella prova di Maratona anche abbastanza nettamente...complimentissimi!!!
Alla luce di quanto detto sopra,però,per il vostro team non è affatto positiva l'esclusione della Maratona l'anno prossimo.Io non condivido questa scelta...ritengo che vadano inserite prove diverse tra loro e invece mettono due 10000,uno su strada e uno in pista.Se si voleva valorizzare meglio l'attività delle corse su strada con l'inserimento del 10000 anche su strada oltre che in pista non si poteva allargare a 4 il numero delle prove?
Riguardo al post,me l'hai insegnato proprio tu:bisogna cercare di terminare l'allenamento previsto anche quando i riscontri cronometrici,per un motivo o per l'altro,non sono quelli desiderati!
In bocca al lupo per la Treviso Marathon!Dicono che potrebbe essere la gara del ritorno di Stefano Baldini sulla distanza,basta questo a far capire il prestigio della gara

Daniele 91 ha detto...

però riandando adesso sul sito della fidal ho visto un errore...hanno messo il campionato italiano di mezza del 2008...

Filippo Lo Piccolo ha detto...

@Daniele 91 che tempistica!
Oggi pubblico il post e punta fuori la classifica!

- Che il Violettaclub avesse stravinto la mini-classifica parziale di Maratona era assodato: ben 4 atleti con tempi discreti non ce li ha nessuno, nemmeno le Società Militari...

- ...e questo ti porta a riflettere un minimo: perchè cambiare i regolamenti del Campionato di Corsa, che era così equilibrato?
Per venire a vantaggio di tutti questi squadroni che arruolano i più forti giovani d'Italia e quindi nei 10K saranno fortemente avvantaggiati...

- ...a danno nostro, ovviamente, che non possiamo permetterci di fare i professionisti, nessuno di noi!
Qua per preparare la Maratona, se mi sento un poco male qualche settimana, il tonfo si sente fino a Bolzano perchè non posso permettermi pause o distrazioni durante la preparazione...

- La classifica finale è falsata dal Grossolano errore di classifica della 2° prova di mezza maratona, risalente, non dico al 249 A.C. (!) ma al 2008 (!!!).
Ma come si fa???
Speriamo che la correggano a ore, max qualche giorno...
Sicuramente non saremmo 2°, forse dal 4° in giù, e comunque sarebbe sempre un bel risultato.

- Il 10K come quarta prova sarebbe una equa soluzione a chi non si può permettere maratoneti.
No! In Fidal gli piace fare del male, indistintamente, vedi le novità 2010!

Basta, dai, che di verità ne abbiamo scritte troppe :-(

Per quanto mi riguarda, non mollo, se esce un solo giorno positivo, agli altri negativi dietro non guardo!
Treviso, Baldini o non Baldini, resta sempre organizzata eccellentemente.
Ecco perchè resto così abitudinario nelle scelte.
Ma l'Europa mi alletta :-)

Filippo Lo Piccolo ha detto...

- Ah, e per quale cavolo di motivo la Fidal ha escluso alcuni tempi cronometrici nei 10.000m in pista, ad esempio tutti gli atleti FF.GG. in blocco?
Boh?

- Di mettermi a fare classifiche personalizzate non mi ci voglio cimentare per ora, questo è un CAOS!

...ricordo che lo scorso anno sarò intervenuto per e-mail agli Uffici Fidal almeno 3 volte per correggere queste "benedette" classifiche...

Daniele 91 ha detto...

Tutto questo è sinonimo di disorganizzazione e scarsa considerazione verso un campionato così importante che potrebbe e dovrebbe essere molto più e meglio valorizzato da parte della Fidal

GIAN CARLO ha detto...

Come tu hai detto a me ...a da passà a nottata... occhio pero' che se stai così alla Roma-Ostia non riesci a rifilarmi 1 min al km

Pimpe ha detto...

letto tutto...! azzarola che tempi! Grande pippo!

Filippo Lo Piccolo ha detto...

@Daniele, parole al vento le nostre, chissà quante volte ho evidenziato l'aspetto dell'importanza che potrebbe avere questo Campionato di Corsa se organizzato come si deve dalla Fidal :-(

@Runner Blade, purtroppo non ci sarò alla Roma Ostia e purtroppo non si può essere sempre in condizione crescente: per ora il Knight Rider non vuole lunghe distanze evidentemente...
Ma ci sto provando lo stesso, è una questione di carattere, una sfida personale.

@Pimpe, vedi che la nave per ora sta imbarcando acqua!
Ma non cedo, sapessi cosa ho combinato tra sabato e domenica!

NEW YORK CITY MARATHON 2010 (Foto Podisti.net)

NEW YORK CITY MARATHON 2010 (Foto Podisti.net)
PRONTI A PARTIRE...